Il terzo anno vede un'ulteriore svolta nel programma della didattica perché questo è l'anno in cui si approfondiscono le materie cliniche e si mettono a frutto -da un punto di vista pratico e applicativo- le conoscenze acquisite nel primo biennio. Al termine del terzo anno l'allievo deve dimostrare di avere le seguenti competenze:

  1. un'ottima conoscenza dell'ipnosi e dell'ipnoterapia nei vari ambiti di intervento in cui il modello di ipnoterapia cognitiva può essere efficacemente utilizzato (psicoterapia in generale, emergenza, tossicodipendenza, traumi, età evolutiva)
  2. in ambito clinico deve dimostrare di avere un ottimo bagaglio conoscitivo teorico-pratico per poter affrontare "il singolo caso", anche in collaborazione con altre figure professionali (ad esempio lo psichiatra o colleghi di altri orientamenti).
  3. Alla formazione personale nel gruppo si affiancano inoltre 80 ore di supervisione didattica, ore all'interno delle quali -in diretta o in differita- l'allievo potrà discutere e approfondire i casi in trattamento analizzando e superando le proprie difficoltà.